Le persone che hanno deciso di scrivere le seguenti testimonianze si sono rese disponibili ad essere contattate anche da te, se pensi che parlare con chi aveva la tua stessa difficoltà ed è riuscito a superarla possa esserti utile.

Ho studiato ad un liceo chimico-biologico; nonostante mi attraessero alla grande le materie che studiavo e che seguivo durante le lezioni (pur interessandomi ad altro, come musica, cinema, ecc) , a scuola sono sempre andato male. Il problema era che non ne capivo il perchè.
Sbatti la testa di qua, sbatti la testa di la, varie bocciature, assenze, ecc: BAM! la Linda. È stata un fulmine a ciel sereno, assieme a lei ho capito cosa sbagliavo, cose di cui non mi son mai accorto e che non ho mai sviluppato da solo: organizzare il tempo, concentrarmi su quello che sto facendo, trovare quella ‘molla’ che alla fine ci spinge a fare le cose. Ho studiato così un anno da privatista (quindi senza professori, ecc, tutto da solo!), preparando due anni in uno e mi sono conquistato il diploma!!
Ora con tutti gli insegnamenti, gli accenni che le chiedevo su come relazionarsi meglio con le persone e affrontare le situazioni in maniera ‘alternativa’ e ‘attiva’… Apro un’enoteca! Sembra quasi magico il momento in cui scopri COSA PUOI FARE

CONCENTRAZIONE E MOTIVAZIONE

Giovanni, giovane imprenditore
Armando, entrando nell’età adolescenziale, ha cominciato a perdere autostima e fiducia nelle sue capacità e a sentirsi inferiore al gruppo dei ragazzi di cui si circondava. I momenti di maggiore frustrazione o sconfitta, venivano scaricati quasi sempre su suo fratello minore, il quale a sua volta, reagiva in maniera aggressiva, rendendo così la vita in famiglia molto difficile. Tutto l’insieme di emozioni negative lo aveva portato a chiudersi in se stesso e ad avere molte insicurezze, sconvolgendo la sua vita scolastica e sociale.
Vedendo che la situazione ci scappava dalle mani, abbiamo deciso di farci aiutare da personale specializzato il quale ci ha consigliato di seguire il percorso di coaching personalizzato.
Oggi possiamo solo confermare quanto ne è valsa la pena. Armando ora è un ragazzo più sicuro di sé e delle sue capacità, ha molte amicizie, non si appiattisce davanti alle sconfitte bensì le vede come esperienze da cui estrarre il lato positivo per poter migliorare, e comincia a prendere delle proprie decisioni!!!
Per questo un particolare ringraziamento va a Linda che, con la sua esperienza, gentilezza e pazienza, ha saputo trovare il percorso più appropriato per nostro figlio e ha fatto sì che oggi lui sia un ragazzo sereno e felice.

ETA' ADOLESCENZIALE

Mamma di Armando Lagrange, 15 anni
Devo dire che sono entusiasta dell’Alphabet Game. Gli obbiettivi che mi ero prefissata erano quelli di essere più concentrata e più efficace nello studio e così è stato! Mi ha aiutata moltissimo anche all’esame di ammissione dove non ho avuto problemi di ansia o tensione.
Sicuramente continuerò ad usare l’Alphabet Game anche durante il corso di questo anno accademico e in altre occasioni, è veramente utile. È un asso nella manica che non bisogna assolutamente sottovalutare e ringrazio Linda per avermelo fatto conoscere e per la sua professionalità.

ALPHABET GAME PER OTTIMIZZARE LO STUDIO E GESTIRE L'ANSIA

Ilaria, studentessa universitaria
Paolo, nostro figlio di 9 anni non affrontava, ma evitava, le situazioni spiacevoli ed esprimeva i suoi stati d’animo negativi con crisi di vomito sempre più frequenti. Tutta la famiglia ha lavorato su come riconoscere, gestire ed esprimere le proprie emozioni e affrontare le difficoltà. Paolo ora ha aumentato la sua autostima, non ha più crisi di vomito, è diventato più responsabile e indipendente (ora fa i compiti da solo, si prepara la cartella, riordina la sua stanza). In seguito abbiamo portato anche nostro figlio Guido, di 12 anni, che ha migliorato la sua capacità di attenzione, è diventato più sicuro di sè, è più organizzato a scuola e a casa. Visti gli ottimi risultati ottenuti da tutti e due i nostri ragazzi, possiamo dire che l’esperienza è stata più che positiva e soddisfacente.Grazie Linda!

SICUREZZA e RESPONSABILITA'

Genitori di Paolo, 4a elem., e Guido, 2a media
Quando mia figlia frequentava il quinto anno della scuola primaria, ho avuto la fortuna di “imbattermi” in un volantino che pubblicizzava un Corso di Logica e Pensiero Riflessivo per bambini, tenuto dalla dr.ssa Barbiero. Con mio marito abbiamo subito pensato che potesse essere un’ottima opportunità per nostra figlia perché la matematica e in particolare la risoluzione dei problemi rappresentava per lei un mistero impenetrabile. Con frequenza settimanale, in un gruppetto di coetanei con le medesime esigenze, Laura ha partecipato al corso con piacere e soddisfazione (sua e nostra). Attraverso il gioco (e..non noiose ripetizioni e studio di regole) ha acquisito capacità logica di ragionamento ed è diventata più riflessiva e meno precipitosa, tanto che una volta alle medie, la professoressa di matematica le ha riscontrato una “mente logica e matematica”. In seguito Laura ha appreso da Linda anche l’utilizzo delle mappe mentali che le sono state di grande aiuto nello studio delle diverse materie scolastiche.
Il nostro incontro con Linda è stato, perciò, molto positivo e proficuo, per la sua competenza, professionalità e capacità di entrare in sintonia con i ragazzi. Senza dimenticare che Linda fa emergere capacità e doti che gli stessi ragazzi pensano di non avere, contribuendo ad aumentare la fiducia in sé stessi e l’autostima, requisiti fondamentali per la crescita equilibrata e consapevole.

LOGICA, GESTIONE DELL'IMPULSIVITA' E MAPPE MENTALI

Luisa, mamma di Laura

Mio figlio Davide, sin dal primo anno della scuola primaria, ha dimostrato di avere difficoltà di apprendimento. Aveva livelli di comprensione bassa soprattutto nelle materie che prevedono un ragionamento come matematica, grammatica, inglese. Fino a tutta la Prima Media Davide ha dovuto essere affiancato (da me, che sono la madre) nello svolgimento dei compiti per casa, con ripetizione degli argomenti fatti e non capiti in classe. Nelle materie di studio non riusciva perché “non aveva capito niente”: dovevo leggerlo io e riassumerlo in termini più semplici. I voti in pagella erano sempre appena la sufficienza, ma capite bene che quel voto sarebbe stato da dividere a metà tra lui e me…. I risultati che ha raggiunto dopo una serie di incontri con Linda sono stati tanto insperati quanto sorprendenti: Davide ha conquistato un’indipendenza quasi totale nel fare i compiti ed ha finito la seconda media con tutti sei e sette, finalmente guadagnati e meritati da solo!
Insomma ora è tutta un’altra vita per entrambi….GRAZIE LINDA!!

DIFFICOLTA' DI APPRENDIMENTO

Mamma di Davide Veronese, 2a media